I TUOI DIRITTI

“Mago esperto in filtri d’amore. Inizia dove altri falliscono”.

Un annuncio tra tanti, trovato sul web. Come è possibile che ci sia gente che nel 2013 pensi sul serio di risolvere i propri problemi con una pozione preparata da un cosiddetto “mago”? Come è possibile che ci siano persone normali, con vite normali, acculturate o meno, che mettono mano al portafoglio per sentirsi predire il futuro leggendo e interpretando le carte o scrutando nei fondi di caffè? Cosa distingue un cittadino del nostro tempo da un condottiero romano o barbaro di duemila e passa anni fa che prima di una fatidica battaglia chiedeva agli aruspici di interpretare l’esito della contesa dai fumi delle viscere di animali appena sgozzati o dal volo di un uccello o dalla disposizione delle nubi nel cielo? Nel frattempo abbiamo scoperto che la Terra è rotonda, il Sole è fisso nello spazio e noi gli giriamo intorno, siamo in grado di diagnosticare malattie importanti e gravi con un semplice esame del nostro sangue, possiamo trapiantare cuori, reni, pezzi di fegato, cornee, siamo sbarcati sulla Luna, viaggiamo nello spazio, impieghiamo poche ore per fare il giro del mondo e siamo interconnessi in una rete globale universale, Internet, appunto. Sappiamo che non pochi importanti personaggi della vita politica contemporanea, in un recente passato, vedi Hitler, o nel presente, volentieri si recano in mesto pellegrinaggio per avere lumi sul proprio futuro. [...] Da sempre cerchiamo di sapere quale sarà il nostro futuro, come si determinerà il percorso del nostro destino. Importanti ricercatori, scienziati veri non maghi e fattucchiere, stanno investendo da anni soldi e portentose ricerche per arrivare a definire in ogni essere umano del pianeta Terra non solo la certificata data di nascita ma anche l’ora e il giorno della inevitabile morte. Da sempre cerchiamo di definire meglio chi siamo veramente e dove andiamo, dai primi filosofi dell’antica Grecia ad Einstein, alla psicanalisi, alla macchina della verità, al sodio pentotal che spoglia il soggetto e lo mette a nudo nei meandri del suo profondo inconscio. Fa dunque parte della natura umana questa incessante ricerca. Ed è sempre nella natura umana che di questo sentimento, non la voglio definire debolezza anche se tale può apparire, ci siano imbroglioni di professione che cerchino di approfittare della dabbenaggine di tanti, guadagnando fior di soldi con pozioni astruse, carte spesso truccate e ogni altro ammennicolo della magia da supermercato. [...] per approfondimenti: www.4minuti.it