I TUOI DIRITTI

Quando è consentita la fecondazione assistita?

La fecondazione medicalmente assistita è consentita soltanto nel caso in cui non vi siano altri metodi terapeutici efficaci per rimuovere le cause di sterilità o infertilità. Alla procreazione medicalmente assistita possono accedere le coppie di maggiorenni di sesso diverso, coniugate o conviventi, in età potenzialmente fertile, entrambi viventi. Il numero di embrioni prodotti deve essere quello strettamente necessario ad un unico e contemporaneo impianto, e comunque non superiore a tre. È vietato il ricorso a tecniche di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo, ovvero con l’utilizzo di gameti estranei alla coppia (art. 4, comma 3, legge n. 40/2004). La violazione di tale divieto è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria da 300.000 a 600.00 euro (art. 12, comma 1, legge n. 40/2004).