I TUOI DIRITTI

è vero che è in arrivo anche in Italia il permesso europeo per la sosta degli invalidi?

Sì, è in arrivo anche in Italia l’adozione del contrassegno uniforme europeo per la sosta dei veicoli al servizio di invalidi. Il contrassegno sarà valido, oltre che in Europa, in tutti i Comuni Italiani. Dopo 12 anni anche in Italia sarà possibile adottare il Contrassegno Unificato Disabili Europeo per la circolazione e la sosta dei veicoli previsto dalla Raccomandazione del Consiglio europeo del 4 giugno 1998. La novità è contenuta in uno schema di decreto del Presidente della Repubblica all’esame del Consiglio dei ministri nella seduta del 25 maggio 2012. Con l’adozione del Contrassegno Unificato Disabili Europeo (Cude) la persona disabile può circolare e veder riconosciuti i suoi diritti non solo se viaggia in auto per l’Europa, ma anche se circola o sosta in altri Comuni italiani. L’adozione del nuovo contrassegno e della nuova segnaletica per gli invalidi comporterà maggiori spese per i cittadini e lo Stato? No. La procedura per ottenere il contrassegno di parcheggio per disabili resterà la stessa, quindi non ci saranno nuove spese per i cittadini. Anche per quanto riguarda le amministrazioni che dovranno eseguire le modifiche alla segnaletica non ci saranno nuovi oneri. Il decreto approvato dal governo prevede infatti che l’adeguamento della segnaletica non debba avvenire immediatamente ma entro tre anni, in modo che gli enti locali possano provvedere in occasione delle ordinarie procedure di manutenzione già previste.